fbpx
Partenopeismi

I numeri di Napoli-Roma: i giallorossi restano un tabù per Sarri

Mai due sconfitte consecutive, mai uno stop al San Paolo: in un pomeriggio Maurizio Sarri vede cadere ahi lui (e ahi noi) due tabù in un batter d’occhio proprio con l’avversario che finora si è dimostrato essere il suo tallone d’Achille.

Ecco alcune statistiche significative del match:

1: i gol realizzati alla Roma nella gestione Sarri. I capitolini ed il Pescara restano al momento le uniche squadre ancora non sconfitte in campionato dal tecnico nativo di Bagnoli, che ha inanellato complessivamente un pareggio e due sconfitte con i giallorossi (in vantaggio 1-4 nella differenza reti) ed un pareggio con gli adriatici.

2: gli errori di Koulibaly oggi  (costate le prime due reti della Roma) e le reti del senegalese in azzurro, entrambe in campionato ed ambedue di testa su azione d’angolo. La prima in un 3-3 al Palermo nella stagione 2014-2015, poi quella di oggi. In mezzo, curiosamente anche un rigore, decisivo nella lotteria finale di Doha in Supercoppa contro la Juventus.

3: le reti subite oggi, proprio come l’ultima vittoria della Roma a Fuorigrotta il 18 dicembre 2011. Anche quella volta i giallorossi andarono sul doppio vantaggio, quella volta però con un autogol in apertura di De Sanctis. Per Sarri prima sconfitta in campionato alla sua 23^ panchina in massima serie al San Paolo: in precedenza soltanto l’Inter aveva espugnato il San Paolo, nella celeberrima notte di Coppa Italia dello scorso gennaio. Ora ci si augura che duri ancora a lungo l’imbattibilità europea…

21: con El Kadduori salgono a 20 (più Valdifiori) i giocatori utilizzati in stagione da Sarri. Mancano ancora all’appello: i due portieri Sepe e Rafael, Tonelli, Lasicki, Rog, Diawara e Roberto Insigne. Segno che seppur misurato, il turn over c’è…

50: Gabbiadini taglia il traguardo delle 50 partite in massima serie con il Napoli. Arrivato nel gennaio 2014, il bergamasco sperava sicuramente in un epilogo diverso: di queste 50, gran parte da subentrante e poche da titolare, in maggioranza con Benitez in panchina. Con Sarri soltanto 3 gare dal 1′ lo scorso campionato e altrettante quest’anno, sintomo di un feeling mai sbocciato tra i due.

80: invece quelle di Jorginho in A con il Napoli. Arrivato nel gennaio 2014, il regista italo-brasiliano ha tagliato il traguardo odierno purtroppo con una delle peggiori prove in maglia azzurra. Eppure l’ex metronomo del Verona con Sarri ha conquistato i galloni da titolare dopo un Napoli-Bruges di Europa League, scalzando dapprima Valdifiori e tenendo ancora in naftalina il giovane Diawara.

90: cifra tonda in A anche per Zielinski, totalizzati tra Udinese (19), Empoli (63) e Napoli, con l’ottava presenza stagionale. Prossimo traguardo la tripla cifra: obiettivo alla portata per il polacco, tra gli stakanovisti di questa stagione.

 

 

About author

Gianluigi Noviello è laureato in Comunicazione ed è specializzato in Management Olimpico presso la Scuola dello Sport di Coni Servizi. Giornalista pubblicista dal 2007.
Related posts
CampoPlayers

L'addio che insegna

ClubCoachComunicazione

La piazza dei fessi

Comunicazione

E' proprio vero: i soldi non fanno la felicità

Campo

L'indigesta fragranza di Champions