fbpx
ClubCoachPlayers

Basta un ramo marcio per fare tremare un grande albero

La redazione de IlPartenopeo.it in queste ore ribolle.

Di rabbia, per quanto visto ieri sera allo stadio San Paolo; di delusione, per quanto sta facendo il Napoli in questa stagione; di preoccupazione, per quanto indefinito sembra essere il futuro ma, anche, di idee contrastanti.

Tranquilli, il nostro spogliatoio (almeno quello) non è spaccato. La nostra redazione è un’alcova di menti pensanti che si confrontano costantemente e sono fiere di stimolare le rispettive produzioni ideologiche.

In ogni caso, la delusione è totale e condivisa, così come le conclusioni. Il punto che fa discutere è la spartizione delle responsabilità.

Di chi è la colpa di questo disastro sportivo?

Il tecnico

Ancelotti è il responsabile numero uno di questo disastro. Ma in che misura? Si tratta di un allenatore bollito che ha totalmente smarrito la bussola o di un tecnico che si è trovato tra le mani una patata talmente bollente da scottarsi le mani?

5-5-5 di chiaro stampo ancelottiano

Non diteci niente se siamo drastici in merito agli aspetti tattici: in due anni abbiamo visto solo scempi. Il Napoli è stato un giocattolo preso tra le mani due anni or sono e a cui non è stata mai donata una identità. A prescindere dalle vittorie (che ci sono state) e dalle imprese (ci sono state anche quelle), non abbiamo mai avuto la sensazione che i calciatori azzurri fossero immersi totalmente in un contesto tattico sposato totalmente.

A chi ci ricorda che abbiamo vinto gare proibitive sulla carta (citando il Liverpool di Klopp), ricordiamo che si è trattato di imprese sporadiche frutto di voglia ed intensità, qualità letteralmente svanite nella rimanente parte di gare.

La confusione e l’indecifrabilità ha coinvolto anche la lettura delle caratteristiche dei singoli. L’intera batteria di centrocampisti a cui va aggiunto, senza dubbio, Lozano, ad oggi, non saprebbero dirci quale è il loro ruolo in campo.

Uno svuotamento identitario che non ha giustificazione alcuna ma, in merito, una domanda è obbligatoria: è tutto frutto di un’incapacità gestionale da parte del tecnico o della scarsa (e magari voluta) applicazione da parte dei calciatori?

Fusione comunicativa

Altro disastro ancelottiano. Il tecnico di Reggiolo si è allineato agli standard societari: pessima la comunicazione della S.S.C. Napoli, disastrosa la sua. Ha sempre e solo cercato di nascondere pubblicamente le falle che via via diventavano più profonde, dapprima omettendo qualsiasi difficoltà poi, parlando di problematiche mentali annesse alla mancanza di risultati positivi; infine, ipotizzando problemi di natura tecnica e tattica, assegnando anche ai suoi calciatori parte della responsabilità.

I calciatori

Quell’abbraccio sul campo del Salisburgo aveva dissipato dalla nostra mente l’idea che tecnico e squadra non fossero coesi. Bisogna davvero pensare che i calciatori siano contenti della gestione del pluri-medagliato Ancelotti? Se così fosse, il tecnico verrebbe scagionato, lasciando posare sui calciatori azzurri ombre così dense da far rabbrividire. Se non sono i dettami tattici di Ancelotti ad essere vetusti e scarsamente stimolanti, perché i calciatori del Napoli sono allo sbando?

La società

E’ sempre stata la stessa da quindici anni a questa parte. Stesso presidente, stessi modi, stessa gestione patriarcale. Ma in questi ultimi mesi si sono commessi errori marchiani: fare proclami senza senso durante lo scorso ritiro pre-campionato e, soprattutto, non riuscire a tenere chiusa all’interno dello spogliatoio una divergenza interna che non poteva e non doveva sfociare nell’ammutinamento.

Ma tutto quello di cui vi abbiamo parlato è solo tutto quanto è emerso.

Il problema vero è più profondo, più subdolo, più grave.

La chiave è capire chi è arrivato a fine ciclo. Carlo Ancelotti? Molti calciatori simbolo? Oppure, sorprendentemente, Aurelio De Laurentiis?

About author

Guido Gaglione è docente di arte e immagine, operatore di ripresa e giornalista pubblicista dal 2015.
Related posts
Campo

Adesso basta

ClubCoachComunicazione

Il limbo è la soluzione

ClubComunicazione

Tutto torna, o quasi

Campo

Inguardabili